Per ottimizzare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies. Maggiori informazioni
Accetto
umamiarea
Facebook Twitter Youtube Newsletter
Andrea Bassetti
Andrea Bassetti Facebook
condividi: share facebook tweet this email

Profilo

FullSizeRender (1).jpg
Mi chiamo Andrea Bassetti, ho ventinove anni e lavoro nel mondo del caffè da molto tempo.
Ho incominciato a lavorare in questo mondo a Trieste, la capitale italiana del caffè. È grazie a questa città e ai professionisti che ho incontrato nel mio cammino, che è sbocciato il mio amore nei confronti di questa bevanda così complessa e dalle mille sfaccettature.

Ho lavorato molti anni in svariati bar italiani, alcuni molto importanti ma, nonostante l’attenzione che davano all’apparenza, la qualità della materia prima del caffè e l’attenzione per la preparazione erano sempre messi all’angolo.
Ho passato i primi tempi della mia carriera a guardare come lavoravano i miei colleghi: spingere un bottone e fare uscire il caffè senza preoccuparsi di nient’altro. Gli chiedevo quanti grammi ci volessero per preparare un espresso ma non lo sapevano, gli chiedevo che tipo di miscela usavamo per i nostri clienti ma non riuscivano a rispondermi. Qualcosa non mi tornava. Guardai la trasmissione che il programma Report fece sul caffè e vidi che quello che vivevo sulla mia pelle non era solo un problema dei bar per cui lavoravo ma che la maggior parte di baristi italiani non sapeva rispondere a queste domande così banali.
La prima svolta l’ebbi quando andai insieme al mio titolare alla fiera sul caffè che tutti gli anni si svolge a Rimini. Lì scoprii che c’era un mondo fatto di professionisti che approcciavano al caffè come fosse un’arte e non in maniera asettica e automatica.
Successivamente ho cominciato a studiare giorno e notte tutto quello che stava dietro alla tazzina del diavolo, come veniva chiamata in passato.

Ho fatto un corso di Latte Art a Milano dalla vicecampionessa mondiale di questa disciplina, un corso di barista completo a Trieste, un corso di tostatura a Roma, ho visitato importanti torrefazioni ma la vera svolta l’ebbi quando partecipai ad un Coffee Camp in Indonesia organizzato da Umami Area in collaborazione con Starkmacher e co-finanziato dall’Unione europea.
Siamo andati nella parte meno conosciuta dell’Indonesia, nell’estremo nord dell’isola di Sumatra a fare un corso di analisi sensoriale e botanica del caffè ospiti di una ONG indonesiana che si batte contro la deforestazione della foresta pluviale, contro la minaccia dei bracconieri ai danni degli orangutango (specie minacciata di estinzione) e che si impegna a produrre un caffè di qualità in maniera sostenibile utilizzando compost biologici per la concimazione delle piante ed evitando l’utilizzo di fertilizzanti chimici
È lì che ho deciso di approfondire la mia conoscenza e trasferirmi in Honduras lavorando in una cooperativa caffeicola e studiando tutto quello che sta dietro la mia bevanda preferita.

In Italia siamo abituati a bere un caffè di bassa qualità pensando ancora di campare di rendita grazie alla rivoluzione che abbiamo apportato in questo settore inventando prima la macchina per espresso e poi la moka.
Questo ci fa credere di avere la cultura del caffè nel DNA ma ahimè non è così.
Sono passati più di trecento anni da quando a Venezia aprì la prima caffetteria d’Italia. Da allora ci sono stati numerosi cambiamenti culturali e tecnologici che hanno cambiato il modo di consumare caffè sia in Italia che nel resto del mondo.
Ad oggi il paese che consuma più caffè al mondo è la Norvegia. L’Italia, consumando 5.8 kilogrammi di caffè pro capite all’anno, è tredicesima.
In Italia, rispetto al resto d’Europa, la cultura al caffè di qualità è molto scarsa. Le maggiori capitali europee pullulano di specialty coffee shop e dietro al bancone il più delle volte c’è gente preparata che sa quello che fa al contrario dell’Italia dove il barista è visto come un lavoretto temporaneo.
Questo va contro il consumatore finale il quale, prima di acquistare un caffè, deve avere la possibilità di essere a conoscenza di più informazioni possibili rispetto a ciò che sta bevendo poiché dalla semina alla tazzina il caffè subisce decine e decine di processi ognuno dei quali, se fatto in maniera impropria, compromette irrimediabilmente il gusto finale.
Annata di raccolto, metodo di raccolto, processo di lavorazione, paese/i di provenienza, specie botanica, varietà botanica, altitudine, percentuale di ombreggiatura della piantagione, giorno di tostatura sono solo alcuni dei fattori che determinano il gusto della bevanda e che quindi il cliente è in dovere di conoscere. Non basta più leggere 100% arabica.
In questo periodo di permanenza in Honduras ho avuto la possibilità e la fortuna di avere a che fare con veri professionisti i quali mi hanno insegnato la differenza tra produrre un caffè di qualità rispetto ad un caffè commerciale.
Per conoscere e capire in maniera più dettagliata le diverse culture e i diversi approcci che ogni singolo produttore di caffè mette nei propri frutti ho viaggiato in lungo e in largo in El Salvador, Guatemala, Costa Rica e Nicaragua alla ricerca del caffè dalle mille e una notte.

Il mio sogno è quello di mettere la mia esperienza al servizio di chi non è disposto a rinunciare ad un caffè di qualità.
A questo proposito ho fondato Caffè Revolution che si occupa di portare direttamente a casa tua il caffè di Pedro, Noè, Panchito e di molti altri produttori di caffè che, consapevoli del fatto che vivendo di caffè e col caffè, si impegnano a migliorare le proprie condizioni aumentando la propria conoscenza e, lavorando la terra a colpi di machete, puntano a produrre il caffè più buono del mondo.
Mediagallery